SERVICES

Transport

Munari: «Riforma dei porti, ancora troppi ritardi» / INTERVISTA
«Genova-Savona, una fusione che farà crescere i due porti» / INTERVISTA
Di Majo: «Civitavecchia, lo sviluppo non è finito» / INTERVISTA
Padova, l’interporto è pronto al raddoppio
«Tirreno asse debole, senza infrastrutture servono incentivi» / INTERVISTA
«Ci aspettano anni di trasformazione» / INTERVISTA
«Arriviamo a Genova per restarci» / IL COLLOQUIO
Grimaldi punta su Sardegna e Sud Italia / INTERVISTA
Cordella (Sech): «Nei terminal c’è bisogno di investimenti»
Giuseppe Bottiglieri: «Ora il concordato, ma siamo pronti a ripartire»

Giuseppe Bottiglieri: «Ora il concordato, ma siamo pronti a ripartire»

Genova - Con 15 navi di proprietà battenti bandiera italiana, la compagnia rappresenta il 7% della capacità di carico della flotta italiana. «Abbiamo preso questa decisione - spiega al Secolo XIX-The MediTelegraph il presidente Giuseppe Bottiglieri - alla chiusura del bilancio 2015, per rispettare i principi contabili della legge italiana».

Garrè: «Riparazioni navali, a Genova 2.000 posti a rischio» / L’INTERVISTA
Porto offshore, Costa tentato dalla consulenza per il Comune / IL COLLOQUIO
Vettosi e lo shipping. Una vita da mediano / INTERVISTA
«Treni merci di notte anche sull’Alta velocità» / INTERVISTA
Signorini, da Danesi (Vte) il primo stop: «Vado? Un’opera ingiustificata»
Lavoro in porto, Genova attacca Roma / IL CASO

Lavoro in porto, Genova attacca Roma / IL CASO

Genova - «L’ex presidente del porto Luigi Merlo non ha risolto il problema del lavoro sulle nostre banchine e Genova adesso è esclusa anche dal percorso che il governo ha messo in piedi», dice Tirreno Bianchi.

«Ck Hutchison? Investirà in Italia, ma niente shipping» / INTERVISTA
«Nessuna crisi per i consolidatori marittimi» / INTERVISTA
Odone: «Genova deve ripartire da diga e Terzo valico» / INTERVISTA
Mariani: «Una buona riforma, con qualche rischio» / INTERVISTA