SERVICES

Caso Merlo, la discussione slitta dopo l’estate

Genova - È arrivata l’ordinanza del Tribunale amministrativo del Lazio sul ricorso presentato da Msc Crociere contro l’Anac, che nei confronti dell’Autorità di sistema portuale di Genova-Savona aveva acceso un faro per il fatto che l’ex presidente Luigi Merlo venne assunto dal gruppo svizzero

Genova - È stata depositata l’ordinanza del Tribunale amministrativo del Lazio sul ricorso presentato da Msc Crociere contro l’Anac, che nei confronti dell’Autorità di sistema portuale di Genova-Savona aveva acceso un faro per il fatto che l’ex presidente Luigi Merlo venne assunto dal gruppo svizzero, primo cliente del porto di Genova, senza che fossero trascorsi tre anni dalla fine del suo mandato.

Nei fatti il Tar si riserva di decidere nel merito della vicenda il prossimo 7 novembre, poiché la stessa Anac, pur avendo espresso una censura sull’incarico di Merlo in Msc, nei fatti non è riuscita a individuare il soggetto sanzionatorie, e mancando i presupposti di estrema gravità e urgenza.

Il ricorso di Msc chiedeva l’annullamento della delibera dell’Anac (che risale allo scorso febbraio). I giudici amministrativi della Prima sezione,guidati dal presidente Rosa Perna, «considerato che la novità della fattispecie e la complessità delle questioni trattate (...) inducono a ritenere che le esigenze della parte ricorrente possono trovare adeguata tutela con la fissazione della data di discussione del ricorso» anche perché non sussistono «ragioni di estrema gravità e urgenza», e la stessa Autorità anticorruzione ha rilevato che «non risulta individuata l’autorità competente a garantire l’esecuzione delle conseguenze sanzionatorie una volta accertata l’effettiva violazione».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››