SERVICES

Livorno, affidamento gara bacini entro l’estate

Livorno - Corsini: «Nella migliore delle ipotesi, potremmo avere la gara affidata a giugno».

Livorno - La gara per i bacini di carenaggio del porto di Livorno sarà affidata entro l’estate. Lo ha spiegato il presidente dell’Autorità portuale Alto Tirreno, Stefano Corsini, intervenendo oggi in commissione ambiente del Consiglio regionale, presieduta da Stefano Baccelli (Pd).

Al centro dell’audizione, spiega una nota, anche la rimozione della nave Urania e il futuro della banchina 75. «Nella migliore delle ipotesi, potremmo avere la gara affidata a giugno», ha detto riferendosi ai bacini di carenaggi, mentre la rimozione della nave, invece, appare più complicata. «C’è di mezzo il tribunale. Noi cerchiamo di mettercela tutta e speriamo di chiudere anche questa partita entro l’estate». Sull’utilizzo della banchina 75, tra quelle «più importanti del porto», il presidente dell’Autorità ha ricordato cosa prevede l’accordo di programma: nell’attuale fase di riorganizzazione deve essere usata come appoggio. A detta di Corsini, ci sono due aspetti fondamentali da tenere di conto: quello infrastrutturale e il tempo. Sul primo ha spiegato che la banchina è destinata ad accogliere il «minor numero di barche possibili, con le lunghezze minime possibili, per utilizzare il minor tratto possibile e comunque tale da rimanere vicino al limite attuale e non occupare acqua di fronte alla banchina 76». Sulla tempistica, occorre accelerare la realizzazione del porto della Bellana e trovare «soluzioni condivisibili», anche «rinunciando a possibili varianti al Piano regolatore». La situazione della banchina 75 è «comunque provvisoria», ha chiarito Corsini. Secondo Baccelli la «complessità» delle cose da affrontare è chiara ma l’impegno profuso è «alto» così come il senso di «grande laboriosità che tutti noi abbiamo percepito».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››