SERVICES

Golfo Persico, solo Dubai regge la crescita delle crociere

La città ha come obiettivo un milione di passeggeri entro il 2020.

LA crescita delle crociere a Dubai è ostacolata dagli altri porti del golfo Persico. Una questione chiave discussa in occasione del recente Seatrade Middle East Cruise Forum: le infrastrutture crocieristiche di Dubai si espandono velocemente ma gli altri porti del golfo Persico non riescono a tenere il passo con il grande sviluppo della città degli Emirati.

Dubai ha già messo a punto una serie piani di espansione relativi ai terminal crociere già esistenti a Port Rashid, e – secondo quanto riportato da un ufficiale del Dp World, società leader a livello mondiale specializzata nella gestione di terminal - potrebbe aggiungere un quarto terminal costruito esclusivamente per le navi di lusso. E qui appare evidente il divario con gli altri porti regionali: mentre il Dubai Cruise Terminal può ospitare fino a sette navi da crociera di grande stazza contemporaneamente, gli altri scali riescono a gestirne due o tre al massimo.
Acquista una copia digitale dell’Avvisatore Marittimo o scarica la App per continuare la lettura

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››