SERVICES

Serbia, via a cooperazione con gli Emirati per nuovi porti fluviali

Genova - Gli investimenti per questi progetti hanno un valore superiore ai 200 mln di euro.

Genova - Il vicepremier serbo e ministro delle Costruzioni, dei Trasporti e delle Infrastrutture, Zorana Mihajlovic e il presidente del colosso ‘Dubai Port World’, il sultano Ahmed Bin Sulayem, hanno siglato oggi a Belgrado un memorandum d’intesa e cooperazione per progetti di sviluppo di porti fluviali nel Paese balcanico, coinvolgendo aziende degli Emirati Arabi. Lo rende noto il governo serbo in un comunicato. Secondo quanto precisato da Mihajlovic, la Dubai Port World potrebbe iniziare a costruire un nuovo porto fluviale in Serbia il prossimo anno. “Uno studio di flessibilità indicherà se il loro investimento sarà a Novi Sad, Smederevo o Belgrado”, si legge nella nota. Mihajlovic ha sottolineato nell’occasione che la Serbia ricomincerà, dopo 40 anni, a investire nella costruzione di nuovi porti fluviali. Gli investimenti per questi progetti hanno un valore superiore ai 200 mln di euro. Dubai Port World è uno dei maggiori operatori portuali al mondo, con un portfolio di 78 terminal marittimi e inland in più di quaranta Paesi, 36mila dipendenti di 103 nazionalità diverse. Nel 2017, si legge sul sito ufficiale di Dubai Port World, l’azienda ha movimentato 70 milioni di Teu, che dovrebbero salire a 100 milioni nel 2020.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››