SERVICES

Bandini (Tarros): «Continuiamo a investire sul Mediterraneo»

La Spezia - «I carichi “davvero” eccezionali? Master Projects & Logistics è nata per risolvere tutti i problemi».

La Spezia - Ormai da anni il Mediterraneo attraversa una crisi dovuta alle note tensioni sociali, economiche, politiche che ne rallentano lo sviluppo. Come affronta Tarros - tipico operatore regionale - questa situazione? Come prevede di adeguarsi a condizioni in continua evoluzione ma nel complesso piuttosto instabili? «In primis aggiungerei che anche lo shipping di linea da anni vive condizioni negative, è attraversato da una profonda crisi, accentuata ultimamente dal rincaro del bunker e dei noleggi - dice Giovanni Bandini marketing & sales manager di Tarros Spa - il continuo conflitto tra i grandi operatori globali, da tempo esteso anche nella nostra regione, non facilita certo il ritorno a condizioni più favorevoli. Comunque il nostro Gruppo - originario di Genova ma basato a La Spezia da quasi mezzo secolo - nel Mediterraneo opera, e su questo mare continua a scommettere, apportando continue innovazioni nella struttura e nelle attività per andare incontro alle necessità della clientela e per garantire alla stessa livelli di assistenza personalizzata che difficilmente possono dare operatori globali».

«Proprio alla fine di maggio e in questa prima parte di giugno abbiamo potenziato, inserendo di una quinta nave, il nostro servizio GPS - Great Pendulum Service - che dai porti i di Genova, La Spezia e Salerno collega Grecia, Turchia, Syria, Libano ed Egitto, ritornando poi in Italia per ripartire a Ponente verso il Marocco ed il Portogallo. E qui, altra novità: la quinta nave ci permette infatti di aumentare i porti scalati, e perciò da subito, oltre che Setubal, sarà scalato settimanalmente anche Leixoes, il porto che serve la zona industriale nel Nord del Paese lusitano».

«Da Leixoes contiamo di sviluppare un importante traffico per i Paesi del Levante, ma anche e soprattutto per i porti italiani, garantendo un servizio ‘Short Sea” in containers, a nostro avviso più efficiente e più rispettoso dell’ambiente rispetto agli attuali servizi “tutto strada” o “strada - mare” con navi traghetto. Nei giorni scorsi abbiamo anche avviato una collaborazione con Procargo Line, il nuovo operatore che da Marina di Carrara ha iniziato un servizio per il Sud della Tunisia: con questo accordo offriamo un eccellente servizio containers per i porti di Sousse e Sfax. E per dare ai caricatori le migliori opzioni di trasporto, abbiamo ancora investito in containers speciali aumentandone sia la disponibilità che le tipologie: la gamma comprende tutti gli speciali, dagli Open Tops ai Flats e ai Reefers, con un’attenzione particolare ai 40’ palletway High Cube, dei quali ora offriamo anche una versione esclusiva, i “Super High Cube”, che sono prodotti direttamente da noi e già molto richiesti per il trasporto di bobine di carta molto alte, per elettrodomestici “bianchi” e per i traffici di groupage, che sfruttano al meglio gli 85 mc di capacità utile».

«Ma nel caso di trasporti veramente eccezionali - aggiunge Bandini - quando anche i containers speciali non possono essere impiegati, i problemi possono essere risolti dalla Master Projects & Logistics, la società del Gruppo specializzata in trasporti eccezionali, e che opera non solo nel Mediterraneo ma offre anche servizi anche sul mercato intercontinentale. E per dare una migliore assistenza locale nei porti del Mediterraneo, continuiamo a perfezionare ed ampliare il network di agenzie marittime da noi direttamente controllate: a breve annunceremo infatti l’inizio dell’attività di una nostra nuova Agenzia costituita recentemente in un importante scalo del Mediterraneo Orientale. I servizi “door”, sempre più apprezzati dal Cliente, hanno indotto il nostro vettore stradale “Carbox” ad aumentare la propria flotta di moderne motrici, che ha ormai ampiamente superato le cento unità, e a dotarsi di depositi nei più importanti snodi stradali del Nord Italia. E una volta che i containers raggiungono il porto d’imbarco, i ns clienti, se lo ritengono opportuno, possono usufruire dei servizi offerti dal nostro Gruppo per svolgere le pratiche doganali, pesatura, assistenza all’imbarco e così via. Il prossimo importante investimento del Gruppo riguarderà il nostro terminal portuale spezzino, il “Terminal del Golfo”, che sarà ampliato e potenziato, per continuare a offrire servizi competitivi, permettendoci così di affrontare con tutte le carte in regola le difficili sfide del futuro shipping mediterraneo».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››