SERVICES

Venezia, via libera a navi da 335 metri

Venezia - Completati i lavori di adeguamento del bacino di evoluzione lungo il canale Malamocco-Marghera.

Venezia - Il porto commerciale di Venezia estende l’accessibilità nautica, e grazie ad una nuova ordinanza emanata dalla Capitaneria, potenzia la sua attrattività internazionale come gateway italiano per le rotte oceaniche. L’ordinanza 36/2018 dà infatti efficacia immediata ai recenti lavori di adeguamento del bacino di evoluzione lungo il canale Malamocco-Marghera, svolti recentemente dall’Autorità di Sistema Portuale, e consentirà l’accesso di navi con pescaggio fino a 11,5 metri e lunghezza massima di 335 metri, al posto del limite di 300 metri precedentemente in vigore. Entro la fine di luglio si concluderanno anche gli escavi a ridosso della sponda ovest del canale industriale ovest. «A partire dal mio insediamento - ha dichiarato Pino Musolino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale - è stata avviata un’analisi accurata delle esigenze infrastrutturali del Porto di Venezia per individuare le criticità da risolvere e, di conseguenza, procedere con gli interventi più urgenti. L’escavo del Bacino di Evoluzione n.3 è uno di questi. Con questo intervento è stato possibile aumentare sensibilmente la competitività dello scalo».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››