SERVICES

Crollo Morandi, Fai-Conftrasporto: «No al tetto sugli aiuti di Stato»

Genova - La Fai-Conftrasporto preme perché vengano riconosciute alle imprese adeguate coperture degli extracosti generati dall’emergenza.

Genova - Per l’emergenza Genova è urgente una deroga al `de minimis´ (tetto) sugli aiuti di Stato. Lo chiede Fai-Conftrasporto, la Federazione nazionale degli autotrasportatori. «La misura della deroga è assolutamente indispensabile per assicurare piena efficacia al provvedimento sull’emergenza - dichiara il segretario generale Fai-Conftrasporto Andrea Manfron - purtroppo però il decreto emergenza conterrebbe anche la previsione che il rimborso dei danni occorsi alle attività economiche sia vincolato al regime «de minimis», penalizzando di fatto fortemente anche il settore dell’autotrasporto». «Le imprese “su gomma” che operano sul porto di Genova stanno già registrano un incremento dei costi operativi, legati alla ridotta capacità di assorbimento della viabilità che insiste sul nodo della città con un allungamento straordinario delle tempistiche di raggiungimento delle destinazioni e delle operazioni di carico e scarico nei bacini portuali», spiega Manfron. La Fai-Conftrasporto ha scritto al ministro Toninelli, alla Regione Liguria e tutte le autorità competenti affinché vengano riconosciute alle imprese adeguate coperture degli extracosti generati dall’emergenza.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››