SERVICES

Botta: «Impossibile spiegare al mondo la vicenda Genova»

Genova - Il direttore degli spedizionieri: «Un gruppo di cinesi mi ha chiesto: “Se quel ponte è così importante per il Paese, perché non lo ricostruite in uno o due mesi?”. Cosa possiamo rispondere a questa obiezione?».

Genova – Spiegare al mondo la tragedia del ponte Morandi non è affatto semplice. Lo ha ricordato Giampaolo Botta, direttore generale di Spediporto, alla platea del secondo convegno tecnico organizzato a Genova da Siat Assicurazioni. «All’ultimo congresso della Fiata, in India, tutti gli operatori mondiali erano a conoscenza del disastro del Morandi. Quello che per noi italiani è stato difficile spiegare è la mancanza di tempi certi sulla ricostruzione. Un gruppo di cinesi mi ha chiesto: “Se quel ponte è così importante per il Paese, perché non lo ricostruite in uno o due mesi?”. Cosa possiamo rispondere a questa obiezione?».

Botta ha anche ringraziato gli autotrasportatori per la dignità con la quale stanno affrontando i disagi genovesi. «Sono quelli che stanno pagando il prezzo più alto. Se non li sentiamo urlare la loro rabbia è solo per rispetto nei confronti della città».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››