SERVICES

Roncallo: «Poco trasparenti? Incontro gli operatori anche in pizzeria»

Genova - La presidente del porto della Spezia risponde alle accuse lanciate ieri dal presidente degli spedizionieri doganali. «Sono sconcertata».

Genova - La presidente dell’AdSP del Mar Ligure Orientale, Carla Roncallo, risponde a Sergio Landolfi, presidente dell’Associazione degli Spedizionieri Doganali della Spezia che ieri aveva attaccato la gestione dell’Authority. Volano così gli stracci tra operatori e presidente.

«Sono stupita e sconcertata dai toni utilizzati dal Presidente dell’Associazione degli Spedizionieri Doganali della Spezia, ma soprattutto dai contenuti del suo intervento sulla stampa che non capisco sinceramente a cosa mirino. Ancor peggio, mi chiedo se arrivino per portare messaggi di terzi, che forse non hanno così a cuore il nostro porto o se semplicemente si tratti del bisogno di comparire periodicamente sulla carta stampata, valore imprescindibile per alcuni. Landolfi chiede a questo Ente un’ “operazione di trasparenza”» scrive in una lunga nota la numero uno del porto della Spezia. «Bene, se c’è una cosa che facciamo quotidianamente, è interloquire con tutti i soggetti che sono portatori di legittimi interessi in relazione alle attività portuali, primi fra tutti gli spedizionieri. Tale lavoro, lo svolgiamo su tavoli istituzionali, quali quelli dell’organismo di partenariato, nell’ambito di frequenti riunioni informali, al telefono o anche con messaggi di whatsapp. E qualche volta anche in pizzeria. Non so proprio di che stia parlando Landolfi, peraltro presente ad una recente riunione tenutasi, da noi il 3 ottobre, durante la quale non ricordo abbia chiesto notizia alcuna sulle opere programmate, nè sollevato alcun dubbio o questione di altro genere. Vorrei anche capire se le sue esternazioni siano frutto di opinioni personali o se rappresentino la posizione dell’intera categoria. A New York abbiamo presentato un piano, a beneficio della platea degli operatori USA, che meglio hanno potuto comprendere lo sforzo intrapreso da pubblico e privato per ampliare il nostro porto a favore delle merci e dell’incremento dei traffici. Ma ad un professionista come Landolfi certi numeri non avrebbero dovuto suonare come nuovi. Non è una novità per gli operatori spezzini, l’impegno in termini economici del Gruppo Contship, della Società Terminal del Golfo e dell’AdSP, per lo sviluppo di moli, banchine e impianti ferroviari. A proposito del “cono d’ombra” in cui Landolfi ritiene l’Ente sia precipitato, credo innanzitutto che sia importante lavorare ed ottenere risultati, più che apparire frequentemente sui media; ma anche su questa sua affermazione avrei da obiettare, visto che non passa giorno senza che la stampa si occupi di notizie relative al nostro porto. Spero davvero che l’incontro del 23 possa aiutarlo a capire meglio cosa stiamo facendo e possa servire a me per capire se il suo malessere nei confronti dell’Ente che presiedo, è condiviso o meno da tutti i soggetti che saranno presenti quel giorno».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››