SERVICES

Russia, volano i volumi dei porti dell’Artico

Genova - Complessivamente gli scali sono cresciuti di quasi 3 punti, ma sulla rotta Artica l’aumento è superiore al 25%.

Genova - Tra gennaio e giugno i porti marittimi della Russia hanno movimentato 409 milioni di tonnellate di merci, segnando un aumento del 2,8% rispetto all’anno scorso. I volumi di carico secco ammontano a 179,7 milioni di tonnellate (-4,8%) di cui 70,5 milioni di tonnellate di carbone (+ 10,8%), 12,2 milioni di tonnellate di grano (-46,9%), 28,0 milioni di tonnellate di merci containerizzate (+ 6,5%), 14,0 milioni tonnellate di metalli ferrosi (-9,8%), 8,9 milioni di tonnellate di fertilizzanti minerali (-3,3%), 3,9 milioni di tonnellate di minerale (+ 10,0%) e 2,6 milioni di tonnellate di legname (-6,6%). Il trasporto di merci alla rinfusa liquide è stato di 229,3 milioni di tonnellate (+ 9,7%) di cui 138,2 milioni di tonnellate di petrolio (+ 12,1%), 71,4 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi (-1,6%) e 16,5 milioni di tonnellate di gas liquefatto (in aumento di 1,6 volte) . Nel periodo di riferimento, le esportazioni sono ammontate a 320,6 milioni di tonnellate (+ 5,0%), le importazioni - 18,7 milioni di tonnellate (+ 3,2%), il transito - 32,3 milioni di tonnellate (+ 1,3%), il traffico a corto raggio a 37,4 milioni di tonnellate (-11,5%). Gli operatori dei porti marittimi del Bacino artico hanno movimentato 51,7 milioni di tonnellate, in aumento del 25,1%, anno su anno, di cui 14,9 milioni di tonnellate di rinfuse solide (+ 5,5%) e 36,7 milioni di tonnellate di rinfuse liquide (+ 35,3%). Il porto di Murmansk ha movimentato 30,9 milioni di tonnellate (+ 7,1%), Sabetta - 13,8 milioni di tonnellate (in crescita di 2,2 volte), Varandei - 3,6 milioni di tonnellate (+ 11,5%), Arkhangelsk - 1,3 milioni di tonnellate (-5,8%).

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››