SERVICES

Morassutt (Pd) contro Toninelli: «Stiamo coi lavoratori»

Genova - Il responsabile infrastrutture dei Dem: «Siamo al fianco dei lavoratori del settore dei trasporti che scenderanno in sciopero il 24 ed il 26 luglio».

Genova - «Siamo al fianco dei lavoratori del settore dei trasporti che scenderanno in sciopero il 24 ed il 26 luglio. L’Italia è ferma. Sono fermi i cantieri per la realizzazione delle grandi infrastrutture, non c’e’ alcun governo del sistema della portualità, si riducono le risorse per il trasporto pubblico locale con gravi conseguenze per le città e le aree intere, mentre le condizioni del lavoro si fanno più difficili e peggiorano i servizi soprattutto per i pendolari. Ieri l’Italia e rimasta per ore spaccata in due per un evento a quanto pare doloso, cui è seguita una faticosa e lenta ripresa del servizi solo dopo molte ore. In questo modo non si può continuare. Le liti nel governo, l’incapacità di decidere, la debolezza del ministro ormai quasi in aria di sostituzione bloccano e indeboliscono il Paese. Per ripartire occorre rilanciare gli investimenti per nuove opere, manutenzione e materiale rotabile, sostenere il trasporto locale. Soprattutto nel Mezzogiorno dove il progetto di autonomia differenziata rischia di aumentare distanze e opportunità e di far perdere oltre tre miliardi e mezzo di trasferimenti per investimenti e servizi. Occorre stabilire una concertazione con le rappresentanze sindacali e imprenditoriali che sostenga lo sforzo indispensabile per la modernizzazione del Paese e per il diritto ad una mobilità sostenibile. Occorre voltare pagina. La mobilitazione dei sindacati offre una spinta per aprire una nuova fase». Così in un comunicato il responsabile Infrastrutture del Pd, Roberto Morassut.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››