SERVICES

Osn consegna la nuova ammiraglia alla Marina algerina

Genova - L’unità è stata realizzata negli stabilimenti Fincantieri di Riva Trigoso e del Muggiano (La Spezia).

Genova - In una cerimonia tenutasi oggi presso il cantiere del Muggiano di Fincantieri, Orizzonte Sistemi Navali, la joint-venture controllata da Fincantieri (51%) e partecipata da Selex ES (49%), società di Finmeccanica, ha consegnato con successo, rispettando le tempistiche e le specifiche contrattuali, la nuova ammiraglia della Marina algerina. Si tratta della nave d’assalto anfibio e supporto logistico da 8.800t Kalaat Beni-Abbes, commissionata nel 2011 dal Ministero della Difesa della Repubblica Democratica e Popolare Algerina a Osn, nell’ambito di un articolato contratto seguito in loco dal Gen. Malaoui,Capo della Commissione di Sorveglianza e della Dirigenza Industria Privata. La commessa assume una particolare valenza sul mercato internazionale, in quanto coinvolge la Marina militare italiana quale responsabile dell’addestramento del personale della Marina del paese nordafricano, ed il supporto alla cantieristica locale per la produzione di unità minori per le operazioni anfibie. In aggiunta alla costruzione della medesima unità, realizzata secondo un’innovativa regolamentazione introdotta dal Rina, la commessa prevede la progettazione, direzione lavori e il coordinamento delle attività di produzione in loco di unità da sbarco da parte dei cantieri della Marina militare algerina, e la fornitura al cliente del supporto logistico durante l’addestramento.

Realizzata presso il cantiere integrato Fincantieri di Riva Trigoso e del Muggiano (La Spezia), l’unità è stata trasferita e messa in acqua presso il secondo stabilimento lo scorso gennaio, in anticipo rispetto alle tempistiche contrattuali. Presso il Muggiano l’unità ha completato l’allestimento ed effettuato le prove in mare e del sistema di combattimento, attività conclusasi con successo rispettando i tempi e le specifiche contrattuali. In parallelo, Osn ha fornito con piena soddisfazione della Marina algerina, il supporto con trasferimento di tecnologia, per la progettazione e la produzione in loco presso i cantieri Ecrn (Etablissement de Construction et Réparation Navales) di Mers-El-Kebir, dei tre mezzi da sbarco da 19,5 m e un carico massimo di 30 ton, realizzati sul medesimo progetto dei mezzi in servizio con la Mm, acquisito dal costruttore Cantiere Navale Vittoria (Rovigo). Questi ultimi opereranno dal bacino allagabile della nuova unità realizzata da Osn. Un importante successo per la cantieristica e l’industria nazionale della difesa di settore, che vede coinvolti in prima persona Fincantieri e Finmeccanica, con le loro aziende come Seastema per il sistema di gestione della piattaforma e Selex Es, quest’ultima principale fornitrice e responsabile dell’avanzata suite di combattimento che comprende sistemi d’arma e di protezione prodotti da Oto Melara, Mbda, Elettronica e altre realtà che rappresentano l’eccellenza a livello internazionale.

Ma l’attività contrattuale continua con il pacchetto che riguarda l’addestramento dell’equipaggio della nave, dei mezzi da sbarco e del personale di supporto della Marina algerina, portato avanti dalla Marina Militare Italiana, con il supporto di Fincantieri e delle altre ditte fornitrici attraverso la Fincantieri Training Accademy. Si tratta di un progetto nato per iniziativa del gruppo cantieristico di concerto con la MM e destinato alla formazione del personale di bordo delle unità in via di consegna, che è già al servizio della Marina degli Emirati Arabi Uniti. L’articolato programma portato avanti dalla Mm con il coinvolgimento di vari enti quali il Centro Addestramento Aeronavale (MARICENTADD) di Taranto e il Centro Allestimento nuove costruzioni navali (MARINALLES) del Muggiano, vede il coinvolgimento di circa 190, tra membri dell’equipaggio e tecnici manutentori di terra, che hanno iniziato l’anno scorso i corsi presso MARICENTADD, dove si trova il simulatore navale appositamente sviluppato dalla società genovese Eca Sindel, in collaborazione con Orizzonte Sistemi Navali, per addestrare i team di plancia e della centrale operativa della nuova unità da sbarco. L’equipaggio è oggi coinvolto nella fase “on-job-training” e addestramento preliminare a La Spezia per ottenere dal Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV) della Mm, la certificazione all’impiego della nuova unità navale, che successivamente si trasferirà presso Taranto per completare la preparazione all’utilizzo operativo della piattaforma e del sistema di combattimento (tirocinio navale) nel primo trimestre del 2015.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››