SERVICES

Le Maire: «Senza accordo con l’Italia prenderemo il controllo di Stx France»

Genova - Parigi vuole che Fincantieri accetti un assetto 50-50 nell’acquisizione del cantiere navale di Saint-Nazaire. La replica di Calenda: «Non si va avanti su Stx se non ci sono le condizioni».

Genova - «Lo Stato francese eserciterà il suo diritto di prelazione» entro la giornata di sabato se non ci sarà un accordo con il governo italiano e Fincantieri per la governance di Stx France. Lo ha detto questa mattina il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire. Parigi vuole che l’Italia accetti un assetto 50-50 nell’acquisizione del cantiere navale di Saint-Nazaire. Giuseppe Bono ieri era «fiducioso» di chiudere la trattativa «nel rispetto della condizione, per noi imprescindibile, che la combinazione delle due società possa creare ulteriormente valore».

«Su Stx siamo stati chiari fin dal principio. Il precedente governo francese ha chiesto a Fincantieri di interessarsi, e Fincantieri lo ha fatto con un progetto industriale solido che ha alcune condizioni fondamentali», dice il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda. Che avverte: «Queste condizioni sono conosciute dal governo francese, dal precedente che ha firmato un accordo e dall’attuale: non abbiamo nessuna intenzione di andare avanti se queste condizioni non ci sono».

Non si va avanti su Stx se non ci sono le condizioni «come ha detto oggi l’amministratore delegato di Fincantieri». «Le nostre condizioni sono molto chiare», ha detto il ministro, a margine di una conferenza stampa al ministero. «Ricordo - ha aggiunto - che la maggioranza è stata data precedentemente ai coreani», ha aggiunto il ministro. E sulla posizione dell’attuale governo francese dice: «Credo sia un buon test per capire se chi parla di europeismo e di valori liberali poi li applica anche». Nessun incontro è al momento in agenda a livello di Governi, ha poi chiarito rispondendo ad una domanda.

«L’attuale esecutivo francese ha deciso di cancellare accordi già presi sulla presenza di Fincantieri nella compagine sociale di Stx». È quanto si legge in una nota del ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, in merito alla volontà di Parigi di una presenza paritaria di Italia e Francia nel capitale di Stx stessa. «Abbiamo dato la nostra disponibilità ad ascoltare le esigenze del nuovo governo, ma non c’è nessun motivo per cui Fincantieri debba rinunciare alla maggioranza e al controllo della società francese», sottolinea Padoan.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››