SERVICES

NauticSud raddoppia gli spazi

Napoli si accinge ad inaugurare la 44esima edizione del NauticSud,il suo Salone internazionale della nautica. Forte della sua posizione indipendente e dell’equilibrio raggiunto nella gestione delle attività istituzionali si presenta all’appuntamento con numeri di tutto rispetto: aree espositive raddoppiate.

Napoli si accinge ad inaugurare la 44esima edizione del NauticSud, il suo Salone internazionale della nautica. Forte della sua posizione indipendente e dell’equilibrio raggiunto nella gestione delle attività istituzionali si presenta all’appuntamento con numeri di tutto rispetto: aree espositive raddoppiate, e dal 18 al 26 febbraio, tra le aziende internazionali del settore da diporto ci saranno in esposizione alla Mostra d’Oltremare anche rinomati marchi stranieri, e grazie ai 70 mila visitatori raggiunti lo scorso anno, con una posizione internazionale che la pone, per successo di pubblico, prima di Cannes e Parigi: «Ci saranno 400 imbarcazioni in esposizione - spiega Gennaro Amato, presidente dell’Associazione nautica Regionale Campana - per un’area di circa 30 mila metri quadrati, numeri che confermano il riconoscimento da parte del diporto internazionale a Napoli, come città di Mare e madrina della Nautica internazionale».

Ritornano in mostra i marchi Tornado e Azimut. Il cantiere Salpa presenterà la doppia versione del 23 piedi, in versione fuoribordo ed entro bordo per promuovere il concetto di campeggio nautico e il modello 38x. Italiamarine sarà presente con anteprima nazionale del Sanremo 24, già presentato con grande successo a Parigi, Gagliotta esporrà la nuova linea Lobster, dal 35 ai progetti dei Lobster 42 e 48 già in fase di realizzazione, Fiart con modelli storici e gli ultimi modelli di ritorno dalle fiere all’estero, il cantiere Mv Marine porterà la linea di gommoni Mito 31 e 45 e Vesevus 35, che hanno conquistato il mercato americano. Al NauticSud saranno presenti anche le associazioni nautiche di Sicilia e Puglia, che hanno per la prima volta aderito al Salone Nautico di Napoli.

Risultati sottolineati dalla presidente della Mostra d’Oltremare Donatella Chiodo: «Sono entusiasta dello sviluppo di questa fiera che già dopo un anno migliora in modo significativo il numero di imprese aderenti, a dimostrazione che la filiera legata all’economia del mare per la città di Napoli e per la Regione Campania può essere una leva straordinaria di rilancio economico e sociale».

Dopo alcuni anni di stop quindi Napoli ha riguadagnato un posto di primo piano nel panorama nazionale del settore, grazie all’organizzazione di Mostra d’Oltremare e Associazione Nautica Regionale Campana: «Lo scorso anno - spiega Giuseppe Oliviero, consigliere delegato della Mostra d’Oltremare - abbiamo deciso di rilanciare con le nostre forze, insieme all’Anrc, il Nauticsud e abbiamo vinto la scommessa».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››