SERVICES

Cimice asiatica, Bellanova: «Stanziati 80 milioni di euro»

Ferrara - «Il problema della cimice asiatica è un problema grave che merita tutta l’attenzione del caso». Lo afferma il ministro della politiche agricole Teresa Bellanova.

Ferrara - «Il problema della cimice asiatica è un problema grave che merita tutta l’attenzione del caso». Lo afferma il ministro della politiche agricole Teresa Bellanova parlando a margine di un incontro a Ferrara. «Noi stiamo lavorando, come ho detto ai rappresentanti degli agricoltori e alle istituzioni, nella legge di bilancio dove c’era un fondo di solidarietà che non era stato finanziato l’anno scorso, noi mettiamo 80 milioni di euro, 40 milioni per il 2020 e 20 milioni l’anno per gli anni successivi. Continueremo a lavorare per capire se riusciamo a incrementare ulteriormente ma sono risorse che devono andare a ristoro degli agricoltori che hanno perso produzione e reddito».

«Insieme a questo - prosegue Bellanova - stiamo lavorando perché ci possa essere con il sistema bancario un blocco dei mutui oltre a un intervento che stiamo facendo con l’Unione europea perché noi vogliamo uscire dalla logica dell’emergenza e lavorare su uno strumento che deve essere stabile per quanto riguarda queste situazioni che purtroppo sempre più frequentemente si stanno determinando nel settore», aggiunge.

«Gli 80 milioni di euro, promessi dal ministro Bellanova in favore delle imprese che hanno subito danni dalla cimice asiatica, sono briciole se pensiamo che la stima elaborata dall’Ispra parla di danni per 350 milioni di euro per il nord Italia e per 250 milioni per il centro e il sud dell’Italia, con circa 300 specie colpite». Così Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia. «Fermarsi a questi 80 milioni - sottolinea Bernini - significherebbe elargire solo un misero contentino a un settore sempre più in difficoltà, con aziende che quotidianamente devono fronteggiare eventi climatici avversi, nuovi parassiti, imposizione di dazi e concorrenza estera devastante. Vigileremo affinché ai nostri imprenditori agricoli sia garantito un adeguato sostegno, effettivamente commisurato ai danni subiti».

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››