SERVICES

Confetra contro le “mire espansive” dell’Art

Roma - «Il nostro stile istituzionale è noto a tutti i decisori pubblici e mai avremmo pensato di giungere a questo punto, ma la situazione non è davvero più sostenibile - dichiara il presidente di Confetra Nereo Marcucci

Roma - «Il nostro stile istituzionale è noto a tutti i decisori pubblici e mai avremmo pensato di giungere a questo punto, ma la situazione non è davvero più sostenibile - dichiara il presidente di Confetra Nereo Marcucci. Con queste parole Marcucci annuncia che Confetra non parteciperà do-mani (martedì 25 giugno, Sala della Regina a Montecitorio) alla presentazione della relazione annuale dell’Autorità di regolazione dei trasporti (Art) -. Non parteciperemo a questo rito che giunge a valle di un anno davvero negativo nelle relazioni tra l’Autorità ed il sistema delle imprese che noi rappresentiamo. Sono anni che Art tenta, invano, di estendere i propri poteri regolatori su settori e categorie del tutto escluse dalle funzioni a essa affidate dalla sua stessa Legge istitutiva. Abbiamo vinto ricorsi in tutte le sedi amministrative, addirittura fino ad un pronunciamento della Corte Costituzionale a noi favorevole. Art nasce per regolare l’utilizzo delle infrastrutture rese in concessione dallo Stato in regime di monopolio natu-rale. Tra queste, certo, non possono rientrare porti o interporti, meno che mai terminalisti portuali o imprese ferroviarie private. Come se non bastasse, a seguito del DL Emergenza Genova, Art ora si pone l’obiettivo di assoggettare a regolazione anche imprese logistiche che con le infrastrutture non hanno proprio niente a che fare, e addirittura gli autotrasportatori solo perché caricano o scaricano merci in porto. Abbiamo decine di lettere inviate dall’Autorità a imprese di spedizioni internazionali e addirittura ad agenzie marittime e raccomandatarie. Ora basta. Va sciolto l’equivoco di fondo: Art non può svolgere la sua funzione a carico di una tassa aggiuntiva che le stesse imprese regolate devono pagare - lo 0,6 per mille del fatturato – al regolatore. È un abominio che non ha simili in Europa e che, a nostro avviso, spinge l’Autorità ad improprie invasioni di campo business oriented in settori che nulla hanno a che fare con la ge-stione di una infrastruttura in regime di monopolio naturale. Le poche (forse) utili funzioni che Art dovrebbe svolgere, le svolga a carico della fi-scalità generale come ogni Istituzione pubblica che si rispetti. È anche un tema di trasparenza e di terzietà del Regolatore pubblico. Ci appelliamo al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al nostro ministro di riferimento Danilo Toninelli, al ministro Luigi Di Maio, al Parlamento tutto, affinché attuino quanto richiesto con numerosi ordini del giorno parlamentari che li vincolavano a verificare il modo di operare di Art. Se Art pensa di poter assoggettare a gabella ogni «beneficiario anche indiretto» della sua già discutibile regolazione infrastrutturale, parliamo di ulteriori 20 milioni di euro tolti alle imprese e ai lavoratori e trasferiti a un’Autorità che ha ormai quasi assunto le dimensioni di un secondo ministero dei Trasporti. Nell’ultimo biennio, il solo personale in organico, è passato da 85 a 91, ed oggi 180, unità» ha concluso Marcucci.

Hai poco tempo?

Ricevi le notizie più importanti della settimana

Iscriviti ››